29 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

LAVANDERIE INDUSTRIALI: varata la piattaforma per il rinnovo del contratto 2019 -2021, 115€ la richiesta dei sindacati

01-04-2019 09:33 - News Generiche
L'Assemblea unitaria dei delegati di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil, riunita oggi a Bologna, ha dato il “via libera” alla piattaforma per il rinnovo del contratto del settore delle lavanderie industriali, il sistema integrato di beni e servizi tessili, medici e affini, in scadenza il prossimo 31 marzo e che interessa 22.400 i lavoratori.
L’incremento economico è di 115 euro (cat. B1) nel triennio 2019-2021. Si richiede inoltre l’incremento dell’elemento perequativo, per quelle aziende che non hanno il contratto di 2° livello, portandolo dagli attuali 200 a 350 euro. Per quanto riguarda il “welfare” contrattuale la richiesta dei sindacati è per la previdenza integrativa di portare al 2% il contributo dell’azienda al fondo (Previmoda) e di consentirne l’adesione anche a lavoratori con contratti di durata superiore a 3 mesi; sulla previdenza sanitaria (Fasiil) la richiesta di elevare il contributo mensile a carico delle aziende a 12 euro e che sia previsto il vincolo contrattuale per un aumento della retribuzione mensile pari a 25 euro, a favore di tutti i dipendenti per i quali non si è provveduto al versamento delle quote previste per lo stesso Fasiil.
In quest’ottica Filctem, Femca, Uiltec, chiedono lo sviluppo di “politiche di sistema” che si oppongano al fenomeno di dumping salariale generato dai contratti “Pirata”. Si propongono quindi una serie di interventi da condividere con le autorità, per far leva sul problema del “sottomercato” e del lavoro irregolare e per diminuire l’incidenza di questo spregiudicato modello, tutto pensato al massimo ribasso. La volontà dei sindacati è di contribuire a creare un modello di sviluppo industriale alternativo ai modelli predatori, tossici e illegali che non rispettano il territorio e la dignità delle persone, alterando profondamente il tessuto economico e sociale.
In questo contesto, la partecipazione dei lavoratori e la responsabilità sociale dell’impresa rappresentano i due punti su cui questa piattaforma intende poggiare, con impegno condiviso, verso un modello di sviluppo sostenibile del settore.
Nelle proposte della piattaforma si punta alla promozione di politiche sociali, come la staffetta generazionale, la gestione dei tempi di vita e di lavoro (attraverso la promozione di progetti comuni, la realizzazione di orari compatibili con l’inserimento dei figli agli asili, alle scuole), azioni comuni per la valorizzazione delle differenze culturali, un impegno particolare per prevenire ogni forma di violenza, a partire da quella di genere.
Tra le proposte, trova spazio anche quella di avviare uno studio di settore per ridurre gli impatti dell’attività lavorativa sulla salute dei lavoratori, attraverso il monitoraggio delle tematiche legate all’ambiente di lavoro e alla sicurezza, compresa l’incidenza delle malattie professionali, per individuare eventuali correttivi e proposte di intervento.

I sindacati invieranno velocemente la piattaforma contrattuale ad Assosistema, l’associazione datoriale di Confindustria, per iniziare subito le trattative di rinnovo.


Realizzazione siti web www.sitoper.it