27 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

In piazza, vent´anni dopo

18-11-2016 12:35 - News Generiche
Sciopero di otto ore dei 420 mila lavoratori del tessile-abbigliamento per il rinnovo del Ccnl. Smi-Confindustria propone aumenti solo "ex post", ridimensionamento del secondo livello e piena applicazione del Jobs Act: secco no di Filctem, Femca e Uiltec

Dopo oltre vent´anni i 420 mila lavoratori del tessile-abbigliamento tornano a scioperare. E lo fanno in difesa del contratto nazionale, scaduto più di sei mesi fa (precisamente il 31 marzo 2016), la cui trattativa con Smi-Confindustria per il rinnovo si è bruscamente interrotta lo scorso 20 ottobre. Al centro del mirino di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil c´è l´indisponibilità delle controparti a rivedere l´impostazione sul modello di individuazione ed erogazione degli incrementi salariali e per le richieste normative tutte incentrate a comprimere i diritti e il ruolo negoziale di sindacati e Rsu.

Filctem, Femca e Uiltec sottolineano come gli obiettivi degli industriali sia, anzitutto, l´accentramento nel contratto nazionale di ogni norma in materia di organizzazione del lavoro, attraverso una revisione che nega la contrattazione aziendale e il decentramento al secondo livello di orari e classificazione, come invece attualmente previsto. I sindacati rifiutano anche le richieste delle controparti di ridurre le ferie degli impiegati, di recepire pienamente il Jobs Act, di disimpegnarsi sul nuovo sistema classificatorio (il cosiddetto "inquadramento"), di intervenire in maniera peggiorativa sui tre giorni di carenza per malattia (ora retribuiti al 50 per cento), sulla legge 104 e sullo straordinario individuale volontario.

I sindacati contestano, infine, la proposta delle imprese di distribuire il salario solo "ex-post", cioè al termine della vigenza contrattuale, quindi senza adeguare i minimi contrattuali (ossia le paghe orarie e le quote contributive per la pensione). La verifica dell´inflazione verrebbe dunque fatta alla fine, invece di anticiparla nell´aumento in busta paga come prevede l´attuale modello contrattuale. Una richiesta inaccettabile per Filctem, Femca e Uiltec, soprattutto in considerazione dei già bassi salari dei lavoratori (di cui il 90 per cento donne) del tessile-abbigliamento. E dei buoni risultati del settore, che vede il fatturato complessivo in lieve crescita e la nutrita presenza di queste aziende nella classifica dei primi 50 gruppi aziendali (per fatturato).

"In un comparto dove la contrattazione di secondo livello, per cultura e per dimensione aziendale, stenta ad affermarsi, è irrinunciabile il ruolo regolatore e l´autorevolezza salariale del contratto nazionale" hanno spiegato i segretari nazionali Stefania Pomante (Filctem), Mario Siviero (Femca) e Riccardo Marcelli (Uiltec): "L´atteggiamento di Smi-Confindustria, inoltre, evidenzia la volontà di negare diritti come strumento prevalente a garantire competitività alle aziende". Per gli esponenti sindacali la controparte "sembra interessata esclusivamente a ridurre diritti e salari attraverso l´affermazione di un modello contrattuale che definisca ex post i minimi e non dia all´atto della sottoscrizione alcuna certezza previsionale".

Realizzazione siti web www.sitoper.it