27 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

Energia: Cgil, Strategia Nazionale con luci e ombre, Governo ci convochi

12-05-2017 12:11 - News Generiche
"Da una prima lettura della Strategia Energetica Nazionale possiamo dire che vi sono luci ed ombre, alcuni aspetti sono condivisibili, altri confusi e poco chiari. Chiediamo al Governo di incontrare le parti sociali". Questo il commento dei segretari confederali della Cgil Gianna Fracassi e Vincenzo Colla alla SEN presentata ieri in Parlamento dai ministri Calenda e Galletti.

Fracassi e Colla giudicano positive "la proposta di istituire il "fondo di garanzia" per l´efficienza energetica per l´edilizia compatibile" e "la scelta di stabilizzare l´ecobonus, che va nella direzione da noi già indicata". Inoltre "i target di riduzione della CO2 sembrano in linea con le indicazione dell´Unione Europea".

Per quanto riguarda gli aspetti critici, i due dirigenti sindacali ritengono "incomprensibile la volontà di privilegiare i grandi impianti fotovoltaici con contratti di valore economico a lungo termine, cosa che incentiverebbe il consumo del suolo sottraendolo alla coltivazione agricola alimentare". "Crediamo invece – proseguono – che sarebbe più opportuna una produzione energetica distribuita prevalentemente attraverso l´utilizzo delle coperture dei tetti esistenti, favorendo al contempo l´autoconsumo e garantendo la norma dello scambio sul posto".

Altro nodo per i segretari confederali la riapertura di centrali elettriche indicata nel Piano, "una contraddizione rispetto quanto fatto fino ad oggi con la dismissione di ventitré centrali".
"In ultimo – continuano – se da un lato conveniamo sulla scelta strategica volta a diminuire i costi energetici per le grandi imprese, dall´altro evidenziamo come non vi siano chiare indicazioni su quali risorse economiche utilizzare. Non sarebbe accettabile se a pagare fossero solo le famiglie attraverso le bollette".

Fracassi e Colla concludono riservandosi "un approfondimento più attento appena saremo in possesso del testo definitivo", e ribadendo "la necessità di un incontro tra Governo e parti sociali, come già richiesto unitariamente dalle organizzazioni sindacali".
Documenti allegati

Realizzazione siti web www.sitoper.it