21 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > News dal settore

ENI E SAIPEM: Il 20 gennaio è SCIOPERO GENERALE di 8 ore in tutti gli stabilimenti italiani

18-01-2016 11:23 - News dal settore
Mercoledì 20 gennaio Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil hanno proclamato lo sciopero generale di 8 ore in tutti i siti e gli stabilimenti italiani di Eni e Saipem (più di 40.000 i lavoratori interessati). L'astensione dal lavoro -- assicurano i sindacati -- non avrà ripercussioni sulla sicurezza e la salvaguardia degli impianti, né tantomeno sul servizio ai cittadini.

" Dopo la parziale cessione delle quote azionarie di Saipem, il Gruppo Eni si appresta a cambiare pelle -- accusano senza mezzi termini i segretari generali di Filctem, Femca, Uiltec, Emilio Miceli, Angelo Colombini, Paolo Pirani -- per divenire un gruppo che opera esclusivamente all'estero, concentrando investimenti e attività solo in ricerca ed estrazione di gas e petrolio, operando di fatto come /broker oil,/perdendo di fatto quelle caratteristiche di azienda di "sistema" che ha garantito e garantisce l'insieme del ciclo produttivo, dall'estrazione al consumo: inaccettabile!". "Cedere per Eni la raffinazione -- proseguono i segretari - significa in larga parte perderla rinunciare alla chimica "verde" significa precludere futuro all'Italia abbandonare alcune attività di Saipem o mettere in discussione la presenza nel segmento /retail/della Direzione Gas & Power vuol dire svilire opportunità per le nostre aree, soprattutto quelle più depresse del Mezzogiorno, e determinare gravi problemi occupazionali".

Ma il principale "pomo della discordia" diventato rovente, è la dismissione della chimica con i suoi stabilimenti di Versalis a Porto Marghera, Ferrara, Mantova, Ravenna, Brindisi, Priolo, Ragusa, Porto Torres e Centro ricerche (oltre 6000 lavoratori tra diretti ed indiretti). "L'Italia, senza Versalis sotto il controllo di Eni, non sarà in grado -- polemizzano - di adeguare il proprio processo produttivo in senso "green", di una chimica innovativa: rischieremo di importare prodotti sostenibili dall'estero, altro che modernizzazione del paese!".
http://www.filctemcgil.it/index.php?option=com_flexicontent& view=items& cid=9& id=5895& Itemid=3


#italiEni : al via le azioni di contrasto per le politiche di dismissione

Realizzazione siti web www.sitoper.it