30 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

ENEL - Riportare quest’azienda ad una vera logica di gestione industriale

16-01-2019 11:23 - News Generiche
E-distribuzione: un riassetto gestito con arroganza. Sbagliati tempi e modi

In queste ore stiamo ricevendo dai lavoratori numerose segnalazioni relative a pesanti
malfunzionamenti dei sistemi informatici (conseguenti all’avvio del nuovo modello
organizzativo) che stanno creando notevoli difficoltà nell’esercizio delle attività operative e
gestionali.
Secondo l’Azienda e secondo quanto, dai loro rappresentanti, esposto nel corso degli incontri
sindacali dedicati alla riorganizzazione della Rete, la digitalizzazione, l’informatizzazione e lo
sviluppo delle reti di competenza dovrebbero essere elementi utili al miglioramento continuo
dell’organizzazione.
Ad oggi però, i lavoratori - nel riferirci quello che sta accadendo – ci spiegano che le cose non
starebbero andando esattamente come raccontato dall’azienda.
Come Sindacato avevamo detto, fin dall’inizio del riassetto, che serviva più tempo per analizzare
in modo compiuto la situazione, definire le eventuali modifiche e allineare i sistemi e le
procedure.
Si sta di fatto sommando ulteriore pressione e stress a strutture che erano già in forte sofferenza.
Gestire la Rete di distribuzione a tutti i livelli (mondiale e Italiano) non è come giocare a monopoli
o scambiarsi le figurine.
Ora, bisogna continuare nell’analisi dell’organizzazione per apporre i correttivi necessari a
bilanciare le situazioni che non funzionano e per definire in modo compiuto e attento le
assunzioni che andranno fatte, partendo da quanto già fatto in precedenza, per rispondere in
modo appropriato anche a tutti quei territori che nel passato non hanno ricevuto le necessarie
integrazioni, e soprattutto intervenendo sulle inefficienze dei processi che non risolvono il ruolo
della centralità delle strutture territoriali, attorno ai quali bisogni dovrebbe ruotare
l’organizzazione.
Come convenuto, i prossimi incontri di analisi delle consultazioni territoriali e di avvio delle
assunzioni saranno un ulteriore passaggio di interlocuzione nazionale che ci permetterà di
esaminare l’effettiva volontà dell’Azienda di avviare una stagione di vero confronto, meno
orientata al business e rivolta di più a recuperare il rispetto e l’attenzione necessarie verso tutti i
dipendenti, verso il lavoro, verso il servizio, oppure se sarà, invece, orientata a pensare solo al
business e, in tal caso, avviare una stagione estremamente conflittuale.
I Sindacati, i Lavoratori e le Lavoratrici sono pronti a “far sentire la loro voce” pur di riportare
quest’azienda ad una vera logica di gestione industriale di servizio verso il Paese, verso gli
“Utenti” dove si pratichi un “lavoro dignitoso” attento alla sicurezza e al rispetto della Persona.
Ai massimi vertici della Rete (mondiali e nazionali) ribadiamo che la partenza non è stata buona
perché “scambiando le figurine” non si amministra un’impresa.
Ora l’unica possibilità per evitare scontri è risalire la china anche attraverso un corretto dialogo
e conseguenti comportamenti rivolti anche a dare maggiore occupazione in un settore
strategico per il nostro Paese.
Buon anno a tutti.

Documenti allegati
Dimensione: 510,99 KB

Realizzazione siti web www.sitoper.it