28 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > News Verie

Art. 18 : Intesa separata su arbitrato

12-03-2010 - News Verie
Cisl, Uil e imprese firmano un avviso comune al ministero del Welfare. Fammoni (Cgil): "Operazione preordinata, resta la possibilità del licenziamento senza giusta causa" Ancora polemiche sull´articolo 18. Oggi 11 marzo Cisl, Uil e rappresentanti delle imprese hanno firmato al ministero del Lavoro una "dichiarazione comune" per avviare un negoziato sul ricorso all´arbitrato nel processo del lavoro, introdotto da ddl collegato alla manovra economica approvato dalle Camere. Le parti si impegnano a definire un accordo interconfederale, nel più breve tempo possibile, per "escludere - affermano in una dichiarazione comune - che il ricorso delle parti alle clausole compromissorie poste al momento dell´assunzione possa riguardare le controversie relative alla risoluzione del rapporto di lavoro". Arriva così una sorta di "mandato" al governo per portare avanti il discorso sull´arbitrato. Confermati i dubbi della Cgil, unico sindacato che non ha voluto firmare l´accordo poiché, a giudizio del sindacato di Corso Italia, le tutele per i lavoratori sarebbero comunque indebolite. "Il collegato lavoro è incostituzionale perché viola, tra gli altri, l´articolo 24 della Costituzione che riconosce il diritto di ogni cittadino a ricorrere al giudice per difendere i propri interessi". Lo afferma il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, che aggiunge: "Dunque anche l´avviso comune, chiaramente preordinato da Sacconi e dagli altri firmatari, assume un carattere incostituzionale. Nessuno si illuda: la Cgil risponderà sia sul piano legale sia su quello sindacale a questo attacco ai lavoratori per tutelarli nella loro prerogativa a difendere i propri diritti come meglio credono, a cominciare dai diritti dei lavoratori più giovani e più deboli". Secondo Epifani "prosegue il disegno che punta ad abbassare tutele e diritti. Le imprese si assumono così un´ulteriore responsabilità verso i lavoratori proprio mentre, a causa della crisi, centinaia di migliaia di persone sono in cassa integrazione o perdono il proprio lavoro". Inoltre, continua il numero uno della Cgil, "il segretario della Cisl aveva affermato che non avrebbe acconsentito ad alcun ricatto nei confronti dei lavoratori al momento dell´assunzione: ma il senso dell´intesa sottoscritta oggi è esattamente questo. Così si dividono ancora di più le strade fra i sindacati e tutto questo rafforza le ragioni dello sciopero di domani e la Cgil continuerà con tutte le forme di mobilitazione necessarie per vincere questa battaglia". "Non si pensi - conclude Epifani - di nascondersi dietro l´esclusione dall´arbitrato dell´articolo 18, cosa peraltro tutta da verificare, perché la legge riguarda l´insieme di tutti i diritti e ogni altro aspetto della vita e delle condizioni dei lavoratori". "Resta l´aggiramento dell´articolo 18 e la possibilità di arrivare al licenziamento senza giusta causa", osserva il segretario confederale Fulvio Fammoni. L´arbitrato sarà infatti valido per tutti gli altri aspetti, ma non solo. "La legge sulla certificazione - spiega - è sbagliata e incostituzionale: non solo la via dell´avviso comune non è percorribile, ma svilupperemo tutte le iniziative necessarie per cambiarla, a partire dallo sciopero generale di domani", La riunione convocata al ministero, inoltre, aveva all´ordine del giorno tutt´altro argomento, e invece, aggiunge il dirigente sindacale, "si è consumato un accordo separato sull´applicazione di una legge che, come è noto, la Cgil non condivide. Perché lo si è voluto fare e proprio oggi? La legge, che peraltro non è stata ancora pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, prevede un anno di tempo prima di entrare in vigore. Tutto questo lascia pensare che si sia voluto operare in modo preordinato una grave rottura tra le parti, con la complicità del governo, alla vigilia dello sciopero generale". Favorevole, invece, il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, secondo cui "si chiarisce finalmente una questione gonfiata artatamente per ragioni politiche". Anche per il segretario confederale Uil, Paolo Pirani, "sgombrato il campo dai timori sull´articolo 18, le norme sull´arbitrato rappresentano una garanzia per i lavoratori di poter vedere riconosciuti i loro diritti in tempi più rapidi".

Fonte: Rassegna.it
Documenti allegati

Realizzazione siti web www.sitoper.it